FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Protezione solare: le sai proprio tutte?

Districarsi nella giungla estiva dei filtri solari si può: ecco un piccolo vademecum per non correre il rischio di scottarsi

Protezione solare: le sai proprio tutte?

Le creme solari sono indispensabili, ma occorre sapere cosa scegliere e come utilizzarle, ricordandoci che anche il miglior prodotto solare non può proteggerci totalmente dalle radiazioni ultraviolette e dai danni che queste possono arrecare quando si esagera con l'esposizione al sole. Ecco quindi qualche suggerimento utile per evitare o limitare i danni anche se si desidera un'abbronzatura da urlo.

Partiamo dall'inizio: per protezione solare si intende una qualsiasi sostanza in grado di prevenire gli effetti nocivi dei raggi solari sulla pelle. A parte i rischi connessi all'eccessivo calore, l'azione del sole è un pericolo per scottature ed eritemi, che possono danneggiare in modo permanente l'epidermide e causare alterazioni precancerose: l'esposizione ai raggi UV è un conclamato fattore di rischio per l'insorgenza di patologie quali il melanoma, così come di altre forme tumorali come i carcinomi basocellulari o i basaliomi.

Cosa sono i raggi UV: le radiazioni solari sono classificate in base alla lunghezza d'onda. Oltre alla luce percepita dall'occhio umano, si distinguono raggi infrarossi (IR) ed ultravioletti (UV); questi ultimi riescono a raggiungere il derma, producendo un effetto sui tessuti e sul sistema metabolico. Gli ultravioletti a loro volta si distinguano in UVA, UVB e UVC.

I raggi UVA: sono i raggi che penetrano in profondità nella pelle, stimolano il rilascio di melanina e l'abbronzatura. Sono particolarmente insidiosi in quanto presenti anche quando il cielo è coperto e nuvoloso e, a differenza delle scottature solari causate dagli UVB, non creano disagi nell'immediato perché non fanno sentire la sensazione di scottatura e consentono di rimanere molto tempo al sole senza percepirne il danno. L'effetto degli UVA è ridotto dall'uso degli occhiali da sole ed è ostacolato da indumenti protettivi e filtri solari.

I raggi UVB e UVC: i raggi UVB sono potenzialmente più dannosi e cancerogeni degli UVA, ma producono un'azione che stimola la sintesi di melanina e attivano il metabolismo della vitamina D. I raggi UVC sono i più pericolosi, ma sono schermati dallo strato di ozono presente nell'atmosfera terrestre e quindi in generale non arrivano al suolo.

Come difendersi: il SPF, Sun Protector Factor (fattore di protezione solare) è la scala unica a livello internazionale che misura l’efficacia di uno schermo solare ed esprime il livello di protezione dai raggi UVB, responsabili di eritemi, ustioni, scottature. Sono presenti quattro categorie: protezione bassa (da 6 a 10), media (15-25), alta (30-50), molto alta (50+), anche se secondo gli esperti sotto la 8 non si dovrebbe nemmeno parlare di protezione, al punto che negli USA le creme con SPF inferiore a 15 non possono avere la dicitura “protegge dai raggi UV".

Quale fattore scegliere: ogni tipologia di pelle richiede un fattore protettivo adeguato. Il colore di occhi, incarnato e capelli costituisce il "fototipo" su cui basare la nostra scelta. Per chi è chiaro, con capelli rossi o biondi e si scotta facilmente, la scelta deve essere sempre di una crema a protezione alta o estrema; se si è un fototipo 4, ovvero un tipo mediterraneo, si può scendere a un SPF 15 dopo una settimana. In ogni caso, nel dubbio meglio avere anche il parere del dermatologo.

Chimici o meccanici? i filtri solari possono assorbire o riflettere i raggi UV. I principi attivi nei filtri solari "chimici" (quali salicilati, cinnamati, oxybenzone, octylcrylene ed altri) sono in grado di assorbire la luce UV e quelli attualmente in commercio permettono una copertura completa dello spettro ultravioletto. Vi sono poi i filtri cosiddetti "meccanici", come il biossido di titanio e l'ossido di zinco, sostanze minerali inerti e dal forte potere coprente, che invece riflettono fisicamente la luce del sole; la loro formulazione ha la tipica colorazione bianca quando vengono applicati sulla pelle, ma attualmente le nuove formulazioni non lasciano traccia e si fondono con la naturale tonalità dell'epidermide.

Ultimo, ma non meno importante: restano fondamentali i rimedi della nonna. Stare all'ombra nelle ore più calde, usare un cappello e indossare una maglietta, munirsi di occhiali da sole sono le regole di comportamento più efficaci cui attenersi per avere una tintarella perfetta senza incorrere in patologie o anche solo in fastidiose, quanto dolorose, scottature.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali