FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Furbetti del cartellino: "Licenziati meno di 4 su 100"

La lotta ai fannulloni è un cavallo di battaglia di ogni ministro della pubblica amministrazione, ma qual è la reale portata del problema?

La lotta ai cosiddetti "fannulloni" è un cavallo di battaglia di ogni ministro della pubblica amministrazione: da Renato Brunetta, che nel 2008 aveva prolungato l'orario di reperibilità dei lavoratori malati, a Marianna Madia, che tra il 2016 e il 2017 aveva previsto una serie di misure contro i "furbetti del cartellino". Fino a Giulia Bongiorno che con il suo "ddl concretezza" ha annunciato rilevazioni biometriche e videosorveglianza per stanare i fannulloni. Ma qual è la reale portata del fenomeno? Secondo i dati pubblicati da La Stampa i "licenziati per motivi disciplinari sarebbero meno di 4 su 100".

L'approfondimento, basato sulla rielaborazione dei dati grezzi raccolti dall'Ispettorato della funzione pubblica e sugli interventi di qualificati specialisti, certifica che il numero dei licenziati per motivi disciplinari sul totale dei dipendenti pubblici è marginale: uno ogni 10mila nel 2017 (0,009%). Mentre la percentuale dei procedimenti disciplinari che si chiudono con l'allontanamento del lavoratore è stata del 3,77% nello scorso anno. 

Secondo lo staff della Bongiorno "metà dei lavoratori è incline a farsi gli affari propri", quindi gli assenteisti sarebbero circa il 50% del totale. Un dato non condiviso dai sindacati. "Mi attengo ai dossier, dai quali deduciamo che l'assenteismo non è una piaga così diffusa e men che meno eclatante"; ha detto Florindo Oliverio, responsabile nazionale della contrattazione enti pubblici per la Cgil. In ogni caso i furbetti, una volta pizzicati, se la passerebbero liscia in quanto "la maggior parte dei procedimenti terminano con provvedimenti soft o archiviazione". 

Dai dati emerge anche che nei Comuni si licenzia meno che all'Università: nel primo caso la percentuale è meno del 2% dal 2013 a oggi, mentre nel secondo la media è del 7,5%. Secondo Luca Failla, giuslavorista e fondatore dello studio Lab/Law di Milano, i licenziamenti nel pubblico sono bassi perché la sensibilità di un manager pubblico in materia è inferiore a quella di un privato". E conclude: "Ministeri, atenei, municipi se hanno sospetti si rivolgono a carabinieri e alle Procure. Ma poi il processo impaluda i tempi e offre alibi ai funzionari inerti". Di conseguenza i licenziamenti reali alla fine sono marginali. Basti recordare la "retata di Sanremo" del 2015 che ha portato sotto inchiesta 200 dipendenti su 470. Ma a distanza di tre anni sono stati 32 i licenziati in via definitiva, 23 dei quali hanno fatto ricorso e uno è stato reintegrato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali